[Svago] Diario di un over

  • Italian Moderator

    Prologo

    Caro diario.
    Innanzi tutto ti chiederai perché ho deciso di scriverti.
    Bhe, in effetti non lo so neppure io: forse per il bisogno di raccontarti come vive una persona adulta, con famiglia e prole, il rapporto con un “gioco”, un “passatempo”… ovvero con un qualcosa che dovrebbe essere un puro divertimento con cui riempire le giornate.
    Il problema, se così si vuole definire, è che le giornate, per una persona della mia età, sono già piene senza alcun bisogno di essere riempite…
    Il lavoro in primis, se si ha la fortuna di averne uno; poi la famiglia da gestire con la possibilità, sempre se sei fortunato, di dividere certi compiti specifici con il proprio partner: porta e riprendi i figli a scuola e all’asilo; aiutali con i compiti; portali a fare sport e poi vai a riprenderli; gioca con loro e fatti sentire sempre presente; occupati della spesa, della casa e trova sempre, quello non deve mai mancare, il tempo per “stare” con la persona che ami e con la quale dividi la tua vita.
    Insomma, verrebbe da dire: e allora?
    Allora ho pensato di scriverTi per raccontarTi cosa mi invento, giorno dopo giorno, per giocare ad OSM, ovvero gli stratagemmi, gli espedienti e gli accorgimenti a cui debbo ricorrere quotidianamente per trovare il tempo, un dannatissimo ritaglio di qualche minuto, per poter accedere al gioco: magari per fare mercato, nelle finestre giornaliere; oppure per sperimentare una certa formazione, con l’abbinata della tattica giusta… meglio se all’ultimo momento, prima della simulazione, dopo aver visto il report della spia; senza dimenticarsi mai di far partire subito i nuovi allenamenti, appena quelli precedenti sono esauriti.
    Mamma mia che faticaccia!
    Ma chi Te lo fa fare, mi dirai Tu, caro diario…
    Non lo so, a dire il vero.
    Forse la passione per questo sport.
    Forse la voglia di stare con gli amici.
    Probabilmente la smania di sentirsi ancora giovane.
    Chissà.
    Magari tutto questo assieme o altro ancora, di cui forse non mi accorgo.
    In ogni caso direi che il mio racconto, delle giornate passate a cercare di giocare ad OSM può senz’altro avere inizio.
    E siccome i tempi a disposizione sono sempre quelli che sono, Ti dico subito che non riuscirò a scriverTi più di una volta alla settimana… ma Ti prometto che mi sforzerò comunque di mantenere questo impegno, fosse anche solo per farTi un semplice saluto.
    E adesso cosa altro dire?
    Appuntamento alla settimana prossima ed alla prima puntata del mio “diario di un over”

  • Italian Moderator

    @usualemi

    Grandissimo Emi, quanto è vero ciò che dici, complimenti e in bocca al lupo per questa rubrica che, dato che questo gioco ha fatto si che ci conoscessimo un po' di anni fa, non ho dubbi sarà bella e seguitissina

  • Community Manager

    Ciao caro oms...

    ne approfitto anche io per scriverti due righe....

    io lo so che a volte ti ho maledetto per via di alcune partite in cui vincevo 3 a 0 e poi a casusa di un espulso mi sono ritrovato il mio avversario a 4 gol e magari ha beccato anche il traguardo del tiro a c..ehm..fortunato..o le volte in cui ho fatto 10019587664545564 tiri senza segnare e il mio avversario un solo tiro su rigore e ha vinto...o quando invece del 451 hai deciso di metetre il 4231 cosi..perchè ti piace di piu forse....

    si..tante volte ti ho preso a parole che non posso dire qui....

    però.....ok....

    ti sembra il caso di fare tutto sto bordello con i server??

    e dai..lo sai che in fondo..ti vogliamo bene..che sei come quell' amico a cui diciamo tante cose ma di cui non possiamo separarci...

    quindi ti chiedo....stasera..fai il bravo su....ti vogliamo tutti bene

    tuo
    angelo


  • Grande Usualemi!


  • grande.....sottoscrivo tutto.
    ci sentiamo sempre giovani dentro, mentre giochiamo resettiamo tutto,poi ricomincia il solito menage familiare


  • Seguirò questo diario perché mi sa che rappresenta tutti noi manager di Osm con figli e un lavoro! Grande Emiliano

  • Italian Moderator

    19 maggio 2017
    E caro il mio diario… ma caro un corno, mi verrebbe da dire.
    No, guarda, negli ultimi tempi ho davvero un diavolo per capello e quindi non ti aspettare smancerie.
    Non riesco a giocare come vorrei, figuriamoci se mi capita di vincere.
    Faccio solo confusione, fra schemi, moduli, formazioni.
    Lo so che è il primo giorno “vero” che ti scrivo, ma… davvero non sono dell’umore giusto!
    Certo, nulla a che vedere con quanto mi è successo un po’ di tempo fa…
    Ora Ti racconto.
    Allora, Ti dico subito che mi trovavo ad una giornata chiave di un bel campionato combattuto.
    Trovo il tempo per giocare per miracolo. La mattina fingo continuamente di dover ricevere chissà quali messaggi di lavoro, proprio mentre sono… a lavoro… mentre in realtà è solo la scimmia che sale per capire se il mercato si muove.
    Ma lui sta fermo.
    Si perché, caro diario, dopo le prime giornate in cui sembravo il Moggi “de no artri”… e dico il “Moggi”, perché tutti avevano paura di me… persino lo scout…, dopo, non sono più riuscito a vendere nessuno… Avessi avuto Messi, le altre squadre non se lo sarebbero filato nemmeno se lo avessi messo in vendita per un mazzo di cicoria…
    Vabbè…
    Allora che faccio: decido che la mia forza sarà la tattica…
    Formazione, modulo, 11 iniziale infallibile…
    Mi faccio un bel post-it con la formazione che vorrò mettere e con la tattica giusta.
    Un post-it, mi dirai, che vuol dire?
    No, non mi è impazzito lo smartphone. Solo che per fare il “dritto” decido di bluffare e di mettere un bel (si fa per dire) 451, fasce, con molti giocatori scarsi in campo,
    «almeno il mio avversario impazzirà», penso fra me e me, e non saprà mai cosa mettermi contro…
    Così mi metto il post-it nella giacca: «al momento giusto, sarà il mio vangelo».
    Arriva la sera e finalmente esco da lavoro.
    Non penso ad altro che ad OSM.
    Finchè…
    Finchè?
    Si… finchè non torno a casa, quando accade l’imponderabile: i miei figli mi “rapiscono” appena entro in casa.
    La cosa bella (brutta?) e che mi piace così tanto essere rapito da loro, che tutto il resto non conta più.
    Il più grande, mi deve far vedere le costruzioni “Lego” che ha fatto nel pomeriggio: sono una magia, lui è bravissimo. Mi piacciono davvero tanto.
    Il più piccolo mi racconta che all’asilo… «è cascato, ma non si è fatto niente, ma poi si è rialzato, poi ha giocato, poi ha fatto colazione, ma non c’era il suo migliore amico e allora non c’è stato il suo compleanno»… eh…. come mi piace quando mi racconta le cose come se fosse grande.
    In tutto questo, ovviamente, mi dimentico di aggiustare la formazione,
    Così, mentre mi trovo con in mano Darth Fener della Lego, che combatte contro Luke Sky Walker e Ian Solo, alias i miei figli, mia moglie urla da sotto «è pronta la cena, a lavarsi le mani!».
    La cena.
    Come La cena?
    Ommamma…
    No accidenti, la cena no!
    Cioè si, ho una fame boia! Ma… questo vuol anche dire che OSM ha gia simulato!
    Vado giù, prendo il telefono: “E’ tempo di giocare…”
    Prendo il post-it dalla giacca e lo butto nella spazzatura...
    Apro il gioco: sono stato sconfitto 5-0 in casa.
    Il pazzo sono stato io, non il mio avversario.
    Poi arriva mio figlio più piccolo: «babbo li vuoi i fusilli», mi guarda sorridendo.
    Ed allora mi dico: «vabbè, ho perso una battaglia, non la guerra. Ho tutto il tempo per rifarmi. E se domani riesco a fare tutte le cose a modo, vedrai come vinco…»
    Poi penso «magari però, prima mi faccio un bel giro sul Millennium Falcon, sia mai che mi schiarisca le idee su chi mettere come centravanti!»
    :muscle_tone2:


  • @usualemi Hahahahaha come mi sono sentito nei tuoi panni non puoi neanche immaginarlo, caro Emi..... e' la stessa situazione che ho vissuto/vivo innumerevoli sere pure io...
    Mi hai fatto morire quando scrivi quel passaggio sulla cena hahahaha.... ormai ho perso il conto delle volte in cui anch' io giocando con i miei pargoli a pallone nel corridoio, sperando di non rompere nulla e di salvare le caviglie, il tempo volava cosi' veloce che quando il mio pensiero ritornava su osm e alla simulazione era sempre una preghiera nella speranza di essere ancora in tempo x impostare.
    Mille aneddoti ci accomunano..... da farci un libro... o meglio, un diario... ti sono vicino Emi, continua a scrivere mi raccomando che mi fai ripensare a bei momenti, talvolta esilaranti che ho vissuto x portare a casa una vittoria in questo fantastico e "maledetto" gioco.

  • Italian Moderator

    @milito6969 Grazie Andrea! Lo spirito di questi racconti è proprio quello che Tu hai colto, ovvero creare un luogo in cui ciascuno di noi possa "raccontare" il proprio (difficile e tormentato, ma mai abbandonato) rapporto con OSM.
    Nel risponderTi colgo l'occasione per rivolgermi a tutti quelli che si soffermeranno a leggere questo post: SCRIVETE TUTTI, siete i benvenuti, raccontando aneddoti, storie, racconti, e fateci sapere come riuscite nella quotidianità a far convivere "vita vera e vita di OSM".
    In una parola:
    "il mio diario è il Vostro diario" ;)

  • Italian Moderator

    26 maggio 2017

    Caro Diario,
    oggi ti voglio raccontare una lontana mia esperienza di battle ovvero di OSM giocato fra manager che si aggregano fra loro per sfidarne altri.
    Ai tempi facevo parte della Taverna, un glorioso gruppo di cui mi onoro di essere stato membro, soprattutto perché in quei giorni è nata fra noi una grandissima “amicizia”.
    Essere parte di un gruppo di OSM è veramente eccitante, perché davvero niente, a mio avviso, ti restituisce tanta adrenalina quanto essere parte di un team che sfida un’altra squadra.
    E poi perché nel gruppo si parla, si discute, ci si confronta e si migliora sempre, anche individualmente.
    Insomma, eravamo impegnati in uno dei turni finali di una competizione molto importante.
    Sapevamo che l’ora della simulazione si stava avvicinando e ci scambiavamo gli ultimi messaggi dal cel per calibrare la giusta tattica, gestita dal nostro capitano, ma come sempre condivisa da tutti.
    Insomma, per farla breve, uno dei nostri compagni ed amici non rispondeva ai nostri messaggi e chiamate.
    Mi ricordo che ci abbiamo provato tutti, in tutti i modi.
    Eppure, durante il pomeriggio lo avevamo sentito, come sempre: niente avrebbe potuto far presagire che… sarebbe successo l’imponderabile.
    Arriva l’attimo della simulazione: conquistiamo 1 vittoria e 2 pareggi, per questo la partita del nostro amico “misteriosamente scomparso” era diventata fondamentale; solo con una vittoria anche sua avremmo avuto la possibilità di vincere, come gruppo, la battle. Forse anche un pareggio sarebbe servito, ma allora sarebbero entrati di mezzo calcoli molto complicati.
    Purtroppo però, il nostro compagno perde rovinosamente in casa 4-1: una disfatta.
    Continuiamo a chiamare e scrivere, ma niente.
    Mi ricordo tanto smarrimento ed anche paura che potesse essergli successo qualcosa di brutto.
    Poi d’improvviso, dopo un’ora dalla simulazione arriva un suo messaggio: “eccomi, mi è accaduto di tutto”.
    Cosa era accaduto? Qualcosa di imponderabile ed incredibile: prima di cena era andato ad un bancomat, per prelevare un po’ di contante. Era una di quelle banche con il terminale raggiungibile entrando in un ambiente “protetto”, cui si accede superando una porta, che si apre strisciando la carta e poi si chiude dietro l’utente.
    Appunto… “si chiude”.
    E quella porta si era “chiusa” per il nostro amico… in maniera definitiva (o quasi) :confused:
    Probabilmente per un corto circuito, o un problema elettrico di altro tipo, le porte erano andate in avaria e non era più riuscito ad uscire.
    La stanza, poi, in quanto protetta, era anche schermata dalle reti mobili ed il suo cellulare era risultato… inutilizzabile.
    Ovviamente non aveva ancora fatto la formazione perché comunque, nel momento in cui aveva acceduto al bancomat, mancava tempo a sufficienza per fare aggiustare tutto e poi è risaputo che, specie in battle, i dettagli si lasicano all’ultimo momento prima della simulazione.
    Caro diario, adesso, immagino, vorrai sapere come sia riuscito ad uscire, alla fine, il nostro compagno.
    Bhè, a dire il vero non mi ricordo benissimo. Mi sembra che qualcuno sia passato di lì ed abbia provato ad accedere al bancomat ed allora si sia accorto delle porte bloccate ed abbia chiamato le autorità.
    O forse no.
    Mi ricordo solo i tanti messaggi fra noi al cel: chi tirava un sospiro di sollievo, chi chiedeva altri chiarimenti e chi… lo infamava :joy:
    A ripensarci oggi mi viene da sorridere divertito, ma ai tempi mi ricordo di essere rimasto davvero di sasso.
    Però, quell’amicizia che ci legava tutti quanti è rimasta intatta ed immutata: pensa che ci sentiamo tuttora e con assidua frequenza!
    Chissà: forse davvero ciò che OSM unisce, nessuno potrà mai dividere :fingers_crossed:
    A presto

  • Community Manager

    ho le lacrime ahahah muoiooo :D :D e ricordo "vagamente" le imprecazioni di quel capitano :D forse una delle esperienze più drammatiche e esilaranti successe in una battle....tra l'altro allo stesso personaggio (famoso anche......) capitò la telefonata da parte di un altro manager (famoso anche questo....) per l'acquisto di una macchina

    in battle..indubbiamente ne succedono di cose.....


  • Caro Diario di usualemi :)
    a me recentemente è capitata una cosa che ha rischiato di cambiare in peggio il mio approccio al gioco.
    Lavoro in un ufficio a Castel Gandolfo, per la precisione in un palazzo storico con mura così spesse che i cellulari sono inutili, inoltre vicino alla residenza estiva del Papa che causa misteriose interferenze ai cellulari...quindi fuori e dentro ufficio niente rete.
    Ad inizio maggio la società che gestisce il nostro sistema informatico ha deciso di aggiornare i propri sistemi, in particolare la modalità di accesso al web. Di punto in bianco non ho avuto più la possibilità di navigare...e mentre i colleghi si preoccupavano di non poter aprire facebook, la gazzetta dello sport o le agenzie di viaggio...io mi preoccupavo per OSM!!! Essendo gcategoria "games" il sito era bloccato"""
    e non solo...ero appena stato convocato per un amichevole con la nazionale...sai che bella figura dire agli altri 4 che potevo accedere al gioco solo dal tardo pomeriggio...
    Sta di fatto che ho dovuto corrompere il Security Manager, fortunatamente un collega della mia età, ad inserire onlinesoccermanager.it tra i siti consentiti!
    Eh si me la sono vista davvero brutta.... ;)

  • Italian Moderator

    @Daniele-Benjiamin che spettacolo! 😂😂

Log in to reply
 

Looks like your connection to OSM Forum was lost, please wait while we try to reconnect.